venerdì 8 novembre 2013

Torta fritta di Parma senza lievito (il mio street food)



Dalla '' Gazzetta di Parma '' del 10/10/2009 :

Aerea e fragrante , impossibile associarla a una torta e raccontarla a chi vive fuori dalla nostra provincia.
Eppure la torta fritta e' lo street food parmense per eccellenza.
La sua storia molto probabilmente deriva dalla cultura Longobarda e Celtica che gia' conosceva l' utilizzo del grasso di maiale , lo strutto. ingrediente base per la frittura di una sfoglia di pasta di pane sottile e tagliata a pezzi.Un piatto ideale per un territorio , il nostro, spesso incupito da nebbie e freddo che con il suo calore fumante diventa il giusto corroborante low- price.In fondo l' accompagnamento e' gradito , ma non indipensabile.Se poi ne avanza qualche fetta finiva dritta nella tazza del latte della mattina successiva in barba a colesterolo e trigliceridi . ( .......)
La si puo' gustare in due versioni: soffice con patate lessate schiacciate , farina, lievito di birra e latte; e croccante con solo farina , sale e acqua.Ma la difficolta' maggiore per questo cibo sta tutta nella frittura.Dato per scontato che anticamente si friggeva con strutto . oggi si usa . se non troviamo strutto fresco di ottima qualita' , olio , meglio se di arachidi. (........).Per ottenere una torta fritta ad hoc, leggera , asciutta, croccante e saporita occorre utilizzare un recipiente fondo che contenga abbondante grasso portandolo a giusta temperatura in modo da formare una crosta superficiale esterna. (.........)







Ingredienti per 4 persone:

500 g di farina 0
2 cucchiai di olio evo
15 g di sale 
250 ml di latte e 250 ml di acqua ( oppure tuta acqua)
olio di arachidi o strutto fresco per friggere

Per accompagnare formaggi molli e salumi ( piu' sotto nel dettaglio)





La torta fritta fa parte della cultura gastronomica parmigiana , la si puo' gustare comodamente seduti in trattoria , come antipasto, oppure acquistata al chiosco lungo la strada , a 40 cent al pezzo , con o senza salumi tagliati al momento.Va mangiata calda di frittura , risulta croccante fuori e morbida dentro , va accompagnata da formaggi molli come stracchino o gorgonzola dolce e da salumi.
Quelli tradizionali sono:
- spalla cotta di s. Secondo calda e tagliata a coltello
- salame di felino
- prosciutto crudo di parma
- coppa e pancetta Piacentina




Questo chiosco e' vicino a casa dei miei genitori, la foto l' abbiamo scattata io e la sister dall' auto in corsa sulla rotonda su cui si affaccia.....piu' street di cosi!Cosa non si fa per dovere di cronaca e di blog!
Ma ci siamo fatte anche un sacco di risate ......


Preparazione:

In una ciotola metterel la farina , il sale e l' olio e mescolare con una forchetta , poi aggiungere i liquidi caldissimi ( importante ) e impastare energicamente fino ad ottenere un impasto liscio.
Io per non ustionarmi le mani lo impasto con il Bimby : qualche secondo vel 4 e poi 2 min vel spiga.
Mettere l' impasto cosi' ottenuto in un sacchetto per alimenti , chiuderlo e riporlo sotto una ciotola rovesciata al riparo da spifferi per almeno mezz'ora , anche 2 ore se si ha tempo (io 2 ore oppure si mette a riposare in frigo per tutta la notte per il giorno dopo).


Stendere l' impasto con il mattarello allo spessore di 3 o 4 mm, oppure dividerlo in porzioni di 2 cm di spessore e tirarlo con la macchina per la pasta alla tacca n. 2, facendolo passare una sola volta.



Con la rotella tagliapasta dentellata formare dei rettangoli che riporremo sotto a dei canovacci puliti in attesa della frittura.



Scaldare l' olio o lo strutto che devono essere bollenti.
Friggere uno o due pezzi alla volta , bastano davvero pochi secondi per lato , girando la torta fritta una sola volta e dando dei colpetti leggeri sopra con un mestolo forato per farla gonfiare bene.



Scolare  su carta assorbente e servire immediatamente , calda e fumante.
Come al solito il piu' sfortunato e' quello che frigge!!!



Con questa ricetta partecipo al 4°contest di Cuocopercaso:



22 commenti:

  1. Complimenti Viviana...quella che tu chiami torta fritta a me è stata presentata come gnocco e da quando vivo a Milano ne vado matta!! Grazie per averci raccontato anche le origini :-)

    RispondiElimina
  2. Praticamente è quello che noi modenesi chiamiamo gnocco fritto!! Mmmmmh che buono!

    RispondiElimina
  3. Ciao Sono David, complimenti per il tuo blog ricco di passione e molte novità, da oggi faccio parte dei tuoi lettori fissi se ti va passa a trovarmi
    ciao David
    http://cookingwithdavid2012.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. Che buone!!
    Adoro le focaccette con i salumi, troppo golose!!

    RispondiElimina
  5. Molto interesante questa ricetta. Buon weekend cara! Baci da Barcellona.

    RispondiElimina
  6. Credimi Vivi, potrei mangiarne a chili di questa torta fritta bollente!
    Poi con i salumi del parmense....
    Vado ad asciugarmi la bava ehhehe
    Un abbraccio Leo

    RispondiElimina
  7. mmm bontà :)
    da mangiarle fino a scoppiare ^^
    buon wee-end
    Vale

    RispondiElimina
  8. Chissà che bontà...con gli affettati e i formaggi è proprio appetitosa!!!
    Un abbraccio e buon week end :))

    RispondiElimina
  9. Uau :)! Che goduria il "mio" gnocco fritto...quando siamo dai nonni non ci facciamo mancare la serata "salumi e gnocco" :)))! Mi piace la tua versione "leggera" con l'olio invece dello strutto nell'impasto, anche la mia mamma lo prepara cosi'!!! Ciao ciao luisa

    RispondiElimina
  10. In teoria e' la stessa cosa dello gnocco fritto?mi è capitato di assaggiarli e sono veramente libidinosi, ti devi allontanare dalla tavola!!! bravissima come sempre Buon week!!!

    RispondiElimina
  11. ciao Vì!..da noi questo e' "il gnocco fritto" e assoulutamente non si puo' dire LO gnocco fritto,come sarebbe corretto,questo e' il test che fanno i Modenesi x vedere se uno e' nato in citta'!
    comunque lo chiami e' buonissimo,noi lo adoriamo ..al mattino con il caffelatte,o in qualsiasi altro momento e' sempre perfetto!
    besos
    simona

    RispondiElimina
  12. In casa mia lo chiamiamo "gnoc frit"! Favoloso! Come la tua cucina, così mi sono unita ai tuoi follower! Se ti va, vieni a trovarmi nel mio e ci seguiremo a vicenda!
    Bacioni

    RispondiElimina
  13. E' perfetta!! Ne mangerei un pezzetto volentieri:)

    RispondiElimina
  14. grazie dei consigli Viviana, sono stati preziosi

    RispondiElimina
  15. Da emiliana doc quale sono, impazzisco per i gnocchini, come li chiamiamo noi in provincia di Bologna....ma non ho ancora mai provato a farli e infatti devo assolutamente rimediare in fretta!!!
    I tuoi sono super golosi!!

    RispondiElimina
  16. Che bontà la tua torta fritta!!!
    Bellissima idea Viviana!!
    Un bacione e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
  17. ma pensa qui a Ferrara invece quello che tu chiami torta fritta noi lo chiamiamo GNOCCHINI fritti buoni mmmmm so' quanto sono buoni

    RispondiElimina
  18. Ciao,
    arrivo da te tramite il contest sullo street food. Questa ricetta è goduriosa! Anche se sono appena le 10.00 le assaggerei volentieri :-) E' semplice, ma il fatto che sia senza lievito la rende più interessante per me, al contrario qui da me si fanno delle frittelle iper-lievitate.
    Ti seguo volentieri.
    Buona giornata
    AngelaS

    http://storiedamordere.blogspot.it

    RispondiElimina
  19. Ciao Vivi, a me piace tanto la torta fritta!! Il we scorso ne ho fatto una versione gluten free e prima o poi la posterò. Quando penso a questa focaccia penso anche ai tantissimi nomi che ha, gnocco, crescentine, torta tutti rigorosamente fritti ;-)

    RispondiElimina

Ho tolto il test di verifica:via libera ai commenti!!!!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...